• BENVENUTI NEL NUOVO SITO WEB DEL CIRCOLO PD DI CASTELFRANCO VENETO!

    Dal 1 Luglio 2021 il sito web del circolo PD si presenta con un format rinnovato che facilita la lettura e il reperimento degli articoli che interessano.

     

    Nella Home page compaiono gli ultimi 20 articoli pubblicati; quelli precedenti restano in memoria nell’archivio cronologico e possono essere richiamati digitando la parola  chiave nella finestra “CERCA” presente nell’Home Page; può essere fatta una ricerca anche per categoria utilizzando la lista “ARGOMENTI”

     

    Nel logo sono ben evidenti le icone dei principali social media (facebook; tweter; instagram) cliccando sui quali si entra direttamente nei corrispondenti siti web del circolo.

     

    Nella BARRA SUPERIORE si possono trovare informazioni utili su:

    • IL CIRCOLO: gli organi del Circolo: la segreteria; il Direttivo; i Consiglieri Comunali e Provinciali; il bilancio consuntivo annuale del Circolo

    Nel circolo un  gruppo di “GIOVANI DEMOCRATICI” e  “DONNE DEMOCRATICHE”; chi desidera partecipare può trovare in questa sezione del sito i riferimenti delle persone da contattare.

    • L’ARCHIVIO è composto da 2 parti:

    l’Archivio storico che comprende tutti gli articoli pubblicati dal 2014 fino al 30 Giugno 2021

    Nell’Archivio cronologico confluiranno gli articoli che verrano pubblicati a partire dal 1 Luglio 2021  e che verranno progressivamente sostituiti da quelli più recenti

    • I LINK che permettono di collegarsi con: il PD Nazionale; il PD Regionale; il PD Provinciale; i Senatori PD; i Deputati PD; Radio Immagina
    • I CONTATTI: oltre all’indirizzo Email è presente una mappa GOOGLE che permette con molta facilità di localizzare la sede; è presente inoltre un form che si può compilare e inviare per essere contattati successivamente.

     

    I soci del Circolo possono dare il loro contributo inviando alla Segreteria le loro idee e proposte; in questo sito potranno essere pubblicati quegli articoli che si collocano in un orizzonte politico e culturale non di breve ma di medio-lungo termine.

  • RADIO IMMAGINA

    Radio Immagina trasmette h24 sul sito immagina.eu e sulle  App dedicate (su Apple Store e Playstore).  E’ presente su  Facebook (dove si può  assistere alla programmazione in radiovisione), su Twitter e su Instagram; è presente inoltre su alcuni aggregatori di radio come Radio Garden, FM World e MyTuner; si possono trovare tutti i podcast su Spotify, Google Podcast e Apple Podcast, oltre che sul sito Immagina.eu e sulle App. dedicate

    Chi ha idee, proposte, notizie che potrebbewro essere raccontate, può scrivere a radio@immagina.eu.

     

    La Settimana di Radio Immagina 

    propone ogni settimana una selezione dei contenuti prodotti e diffusi negli ultimi 7 giorni.

    10/7/2021:

    Raffaella Carrà, icona senza tempo. Lo speciale (con Walter Veltroni)
    ASCOLTA IL PODCAST (Link: https://immagina.eu/2021/07/08/raffaella-carra-unicona-senza-tempo-lo-speciale/)

    Lotta al Covid, avanti a piccoli passi. Ora di Punta con Beatrice Lorenzin e Aldo Morrone
    ASCOLTA IL PODCAST (Link: https://immagina.eu/2021/07/09/lotta-al-covid-avanti-a-piccoli-passi-ora-di-punta-con-beatrice-lorenzin-e-aldo-morrone/)

    Ddl Zan, il momento della responsabilità. Ora di Punta con Monica Cirinnà
    ASCOLTA IL PODCAST (Link: https://immagina.eu/2021/07/07/ddl-zan-il-momento-della-responsabilita-ora-di-punta-con-monica-cirinna/)

    La spinta della ripartenza e la sfida delle riforme. Con Antonio Misiani e Claudio Giovine
    ASCOLTA IL PODCAST (Link: https://immagina.eu/2021/07/06/la-spinta-della-ripartenza-e-la-sfida-delle-riforme-ora-di-punta-con-antonio-misiani-e-claudio-giovine/)

    Sangue e caos, Haiti è fuori controllo. Dialogo con Matteo Giusti
    ASCOLTA IL PODCAST (Link: https://immagina.eu/2021/07/08/sangue-e-caos-haiti-e-fuori-controllo-dialogo-con-matteo-giusti/)

    Ue, Usa e Cina: una partita a tre. Con Paolo Guerrieri
    ASCOLTA IL PODCAST (Link: https://immagina.eu/2021/07/06/ue-usa-cina-una-partita-a-tre-con-paolo-guerrieri/)

    Le sfide di Milano, alla prova del futuro. Con Silvia Roggiani e Maria Della Giacoma
    ASCOLTA IL PODCAST (Link: https://immagina.eu/2021/07/08/le-sfide-di-milano-alla-prova-del-futuro-con-silvia-roggiani-e-maria-della-giacoma/)

    Le ferite di Genova, vent’anni dopo – Prima parte
    ASCOLTA IL PODCAST (Link: https://immagina.eu/2021/07/07/le-ferite-di-genova-ventanni-dopo-parte-1/)

    La storia del cane Uno, morto “sul lavoro”. Giuliano Giubilei intervista Michele Serra
    ASCOLTA IL PODCAST (Link: https://immagina.eu/2021/07/05/la-storia-del-cane-uno-morto-sul-lavoro-giuliano-giubilei-intervista-michele-serra/)

     

    –  SETTIMANA   8 Giugno 2021

  • IL PROGRAMMA DEL PD SUL SISTEMA SANITARIO E SOCIALE A CASTELFRANCO, IN PARTICOLARE SULL’OSPEDALE.

    Video.  Ospedale di Castelfranco: ecco come stanno davvero le cose Dobbiamo agire per salvarlo
     
    Video Siamo orgogliosi della sanità veneta ❓ Certo, ma questa eccellenza poggia su un terreno fragile che si sta pian piano sgretolando

    27/4/2020  IOV E OSPEDALE DI CASTELFRANCO
    Il candidato sindaco Sebastiano Sartoretto si associa alle manifestazioni di plauso e di soddisfazione per il riconoscimento della qualifica di istituto di ricerca “IRCCS” (Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico) alla parte IOV del nostro Ospedale.
    Sartoretto dichiara: “Come coalizione Castelfranco Merita siamo ovviamente contenti che sia arrivato questo riconoscimento alla parte IOV del nostro ospedale, cioè ai servizi e strutture IOV presenti nel presidio di Castelfranco Veneto. Abbiamo sempre sostenuto il radicamento dello IOV nel nostro ospedale, è un’occasione di sviluppo importante, vogliamo che Castelfranco diventi il Centro Oncologico di eccellenza per il Veneto.
    Tuttavia, a fronte di questa soddisfazione, non possiamo esimerci dal continuare a batterci affinché la parte generalista del nostro ospedale sia in grado di fornire ai nostri concittadini tutti i servizi non legati a patologie oncologiche. Semmai ce ne fosse stato bisogno, questa epidemia ci ha dimostrato quanto i servizi generalisti siano fondamentali e assolutamente necessari.
    Pertanto resta aperta la nostra battaglia e la preoccupazione affinché non siano smantellati i servizi generali adesso presenti e anzi vengano ripristinati i servizi già ridotti o smantellati.
    Quindi noi non vogliamo che questa soddisfazione, questo risultato certamente positivo, possa mettere in silenzio o a margine il problema, che resta aperto completamente, della salvaguardia e ripristino dei servizi della parte ULSS del nostro ospedale. E ovviamente rimaniamo in attesa che sia compiutamente insediato lo IOV secondo il cronoprogramma fissato, anche con particolare riferimento al bunker di radioterapia.

    I TRE PUNTI DEL PARTITO DEMOCRATICO SULL’OSPEDALE DI CASTELFRANCO VENETO 

    18/11/2019 DOSSIER SPECIALE SULL’OSPEDALE

    Poichè  la “questione ospedale” è cruciale per la nostra città, per il suo benessere e il suo sviluppo, il Partito Democratico di Castelfranco Veneto ha analizzato a fondo tutti i vari aspetti di questo complesso problema elaborando un Dossier Speciale sull’Ospedale, del quale ha  fatto una breve sintesi  di facile lettura

    9/12/2019 SECONDO DOSSIER

    Questo secondo dossier sull’Ospedale di Castelfranco Veneto ( clicca qui ) è stato predisposto dal Gruppo Consiliare del Partito Democratico in quanto si rendono necessarie alcune precisazioni, visto che la Lega continua a mistificare i veri problemi, di cui invece si accorgono benissimo le persone che lavorano in ospedale e anche quelle che necessitano di prestazioni sanitarie, ambulatoriali o di ricovero.
    Questo secondo dossier, un po’ lungo ma scorrevole, permette di comprendere come la Lega mistifichi la realtà e ci stia distruggendo un patrimonio inestimabile. Forse è superfluo ribadire che per il PD è positivo l’arrivo dello IOV, ma per questo non serviva e non serve continuare a distruggere l’ospedale per tutti!

  • Tina Anselmi, una bandiera del Partito democratico di Castelfranco Veneto

    Mai come in questo momento di emergenza per il coronavirus il lavoro di Tina Anselmi si è dimostrato di fondamentale importanza per la salute di tutti gli italiani.

    Ce lo ricorda un interessante articolo dell’Huffinghton Post nell’edizione del 11/3/2020 :  Il Servizio Sanitario Nazionale ha una madre: Tina Anselmi.  “Il Servizio Sanitario Nazionale (SSN), quello a cui stiamo tutti dicendo grazie, soprattutto in questo momento, quello che sta assicurando salute e coesione nazionale, oggi con maggiori evidenze, nasce nel 1978.  Reca la firma di Tina Anselmi. Fu un dibattito importante, quello per l’istituzione del SSN, seguito da una legge fondamentale per lo sviluppo umano, sociale e civile del nostro Paese. E il perché lo stiamo vedendo in questi giorni. E allora cerchiamo di ricordare figure della nostra vita politica che sicuramente non hanno anteposto contrattazioni di parte e di breve periodo all’interesse generale. Una di queste è Tina Anselmi, alla quale nessuno di noi dovrebbe dimenticare di dire grazie….”

    Il Circolo del Partito Democratico di Castelfranco è orgoglioso di avere come punto di riferimento la grande concittadina Tina Anselmi, nei cui valori e ideali si riconosce pienamente.

    Ricordiamo le tappe principali della sua storia:

    • Nel Settembre 1943, all’età di 17 anni decide di prender parte attivamente alla Resistenza dopo essere stata costretta dai nazifascisti ad assistere a Bassano del Grappa all’impiccagione di trentuno prigionieri per rappresaglia.
    • E’ stata deputata ininterrottamente per 6 legislature, dal 1968 al 1992;  nel corso del suo lungo mandato parlamentare fece parte delle commissioni Lavoro e previdenza sociale, Igiene e sanità, Affari sociali occupandosi molto dei problemi della famiglia e della donna
    • Nel 1976è stata ministra del lavoro e della previdenza sociale; la prima donna ministro; un fatto storico;  si deve a lei la legge sulle pari opportunità, che apriva alla parità salariale e di trattamento nei luoghi di lavoro, nell’ottica di abolire le discriminazioni di genere fra uomo e donna.
    • Dal 1978 al 1979 è stata ministra della sanità e come tale  ha firmato la legge istitutiva del Servizio Sanitario Nazionale
    • Dopo l’assassinio di Aldo Moro, il 9 Maggio 1978, nella consapevolezza che il clima politica stava per finire vengono approvate in rapida successione alcune leggi di fondamentale importanza in campo sociosanitario:
    • Il 13 Maggio viene approvata  la legge 180 di riforma della psichiatria con la chiusura dei manicomi, detta anche legge Basaglia, legge che verrà assorbita dalla riforma del SSN per evitare il referendum abrogativo.
    • Il 22 maggio viene approvata la legge sulla regolamentazione dell’interruzione di gravidanza, confermata nel 1981 nonostante due referendum, che sarà definitivamente approvato dalla Camera il 23 dicembre 1978.
    • Ancora da Ministro della Sanità nel ’79, dopo aver deciso il ritiro dal mercato di farmaci, che una commissione tecnica aveva giudicati inutili o addirittura dannosi, venne sottoposta a un tentativo di corruzione da parte di un esponente delle industrie farmaceutiche che il mattino dopo lei rese pubblico. Dopo pochi giorni la sua auto fu fatta saltare in aria.
    • Nel 1981 è stata nominata presidente della commissione sulla P2 dalla Presidente della Camera Nilde Jotti che aveva piena fiducia nella sua determinazione, rettitudine e forza morale. (Foto di Tina Anselmi con Nilde Iotti) La P2 era una loggia deviata della Massoneria, che si scoprì poi stare dietro alle forze eversive in Italia. Il suo capo Licio Gelli, da tempo deceduto, è stato riconosciuto recentemente dalla magistratura mandante della strage di Bologna.  Ha svolto questo delicatissimo compito dall’81 all’84 con tenacia e coraggio, spesso molto criticata anche da esponenti importanti del suo stesso partito; alla fine svelò l’elenco degli appartenenti alla loggia massonica deviata (più di 2000) ed il loro ruolo attivo di sostegno all’eversione, alla corruzione finanziaria, in collegamento anche con la mafia, la criminalità organizzata, la finanza internazionale. La relazione finale è stata approvata quasi all’unanimità, cosa molto rara per quei tempi.

    Succede spesso ai grandi personaggi della storia di essere apprezzati solo relativamente in vita e di venire valorizzati in modo adeguato solo dopo la loro morte; questo è successo anche per Tina Anselmi il cui ruolo storico si è reso sempre più evidente con il passare degli anni dopo il 2016, anno della sua morte.

    Da allora sono stati pubblicati 3 libri e ci sono state numerose manifestazioni e convegni  che hanno permesso di approfondire le sue idee, i suoi valori e principi e di comprendere meglio la sua importanza nella storia italiana:

    • Nel Dicembre 2016 è stato pubblicato dall’Editore Sperling & Kupfer il saggio autobiografico “Storia di una passione politica”; il suo esempio e la sua testimonianza potrebbe e forse dovrebbe entrare nell’antologia dei testi da commentare nelle scuole e rivolto ai giovani e agli studenti non solo di Castelfranco.
    • Il 23 settembre 2017 è stato tenuto a Treviso al Palazzo dei Trecento un convegno di studio sul “Rapporto di Tina Anselmi con il territorio trevigiano” e sul suo contributo alla vita nazionale, con particolare attenzione al contributo dato alla Democrazia Cristiana
    • IL 2 Dicembre 2017 il Circolo PD di Castelfranco Veneto ha organizzato presso il Teatro Accademico il Convegno “L’EREDITA’ DI TINA ANSELMI E LIVIO FRATTIN NEI SISTEMI SANITARI E SOCIALI: QUALI PROSPETTIVE?”  (vedi sintesi del Convegno)
    • Nel Settembre 2018 è stato pubblicato il libro “La primavera delle ragazze” della prof.sa Rita Caberlin, nel quale si può be capire quale sarebbe stato l’impegno sociale e politico di Tina Anselmi.
    • Il 25 marzo 2019 in occasione del 92° anniversario della sua nascita è stata tenuto a Bologna un Convegno su “Un profilo di Tina Anselmi – Contributo all’evento P2 STORY “ ad opera della storica bolognese Cinzia Venturoli della Camera del Lavoro metropolitana di Bologna
    • Nel Dicembre 2016 una intera trasmissione di Rai Storia (Canale 54) condotta dal Prof. Bernardini è stata dedicata a Tina Anselmi. Al giornalista che le chiedeva che senso aveva per lei il delitto Moro, ha risposto: “Mi sono fatta un’idea chiarissima di quello che è accaduto e di questo ne sono certissima: con questo atto non è stato ucciso solo l’uomo e il politico, ma è stata uccisa la speranza di una sana democrazia in Italia”  In effetti dopo questo evento il corso della storia è deviato, la qualità della nostra democrazia è cambiata in peggio; sono venuti i tempi di Craxi, di tangentopoli, dell’aumento incontrollabile del debito, e poi gli anni bui del ventennio berlusconiano.  Alla fine, a Bernardini che chiedeva il luogo dove andare per ricordare Tina Anselmi, il consulente storico ha risposto: “Dove ci sono le sue origini e le sue radici, a Castelfranco Veneto”

    Ma questa città non assomiglia più a quella che, negli anni che vanno dal 1945 al 2000,  fu di Tina Anselmi e dei suoi grandi concittadini Domenico e Gino Sartor; fa impressione confrontare quella grande Castelfranco con l’attuale realtà politica, economica e sociale attuale.
    A queste nostre radici potremo e dovremo ritornare più spesso, se vogliamo riprendere la strada della crescita, soprattutto etica e morale.

     

    • 25/3/2020. Ricorre oggi il 93 anniversario della nascita della nascita di Tina Anselmi: maestra, partigiana, sindacalista, prima donna ministro della Repubblica. Da ministro della Sanità nel 1978 ha promosso la nascita del Servizio Sanitario Nazionale, rendendo pienamente la salute un diritto universale e l’accesso alle cure libero e gratuito. Oggi più che mai, in questo momento difficile, ricordiamo che è grazie alla sua determinazione se l’Italia ha un sistema sanitario tra i migliori al mondo. Nella battaglia quotidiana che medici e infermieri stanno combattendo contro il #Covid19, non dimentichiamoci che la nostra sanità pubblica è un bene comune da difendere con forza e orgoglio.
  • I TRE PUNTI DEL PD SULL’OSPEDALE DI CASTELFRANCO VENETO

    Nella giornata del PD del 3 Novembre a Riese viene distribuito il manifesto con il programma del partito sull’Ospedale di Castelfranco

    I 3 punti  principali sono:

    1. L’Istituto Oncologico Veneto (IOV): BENVENUTO! (SE DAVVERO RESTA E CRESCE)

    2. L’Ospedale per tutti (ospedale generalista o spoke): DEVE RIMANERE!

    3. Gli accertamenti ambulatoriali e le visite specialistiche:
    BASTA CON LE MIGRAZIONI DEI MALATI AMBULATORIALI!
    BASTA DOVER METTERE MANO AI PORTAFOGLI
    DEVONO SMETTERLA DI PORTAR VIA ANCHE GLI AMBULATORI, OLTRE AI REPARTI!

    NEL NOSTRO GRANDE OSPEDALE C’È SPAZIO PER TUTTO QUESTO

    Per leggere il manifesto clicca qui

  • LA GIORNATA DEL PD

    E’ organizzata dai 3 circoli PD della Castellana (Castelfranco Veneto, Alta Castellana, Vedelago) per Domenica 3 novembre 2019  a Riese Pio X

    Per vedere il programma della giornata clicca qui

    Sarà l’occasione per fare il punto della situazione politica nazionale, regionale e locale  parlando del nostro partito e dei suoi programmi con 2 importanti rappresentanti del PD a livello nazionale:

    • Palo Giaretta è stato sindaco di Padova, senatore, sottosegretario allo sviluppo economico nel Governo Prodi, primo segretario regionale del Partito Democratico del Veneto.
    • Chiara Luisetto è componente della Commissione Statuto del Partito Democratico, segretaria della Federazione Provinciale PD di Vicenza ed è stata sindaco del Comune di Nove (VI).

    Per i bambini è previsto uno spazio a loro riservato per attività di gioco

    Al termine del dibattito potremo pranzare insieme in allegra compagnia con menu tipico di stagione

    Per chi si ferma a pranzo, è gradita la prenotazione, da comunicare con messaggio E-mail a pdcastelfranco@gmail.com oppure con messaggio WhatsApp a 3402825892

    Sarà possibile iscriversi al PD o rinnovare la tessera per l’anno 2019

  • 25 APRILE, FESTA DELLA LIBERAZIONE

    Iniziative del PD di Castelfranco Veneto in occasione di questa importante data della storia nazionale:
    Un pensiero particolare va alla partigiana Tina Anselmi che ha istituito il Servizio Sanitario Nazionale; soprattutto  in questo periodo di emergenza Coronavirus ha dimostrato quanto sia attuale e importante
    Dal momento che quest’anno le manifestazioni sono in tono ridotto per l’emergenza coronavirus invitiamo la popolazione ad esporre il tricolore alle finestre delle  proprie abitazioni.

    Vogliamo ricordare questa data con alcune bellissime canzoni:

    • Grazie – 25 Aprile“; è stata trasmessa per la prima volta nel 2015 durante lo speciale sul 25 aprile di Fabio Fazio;  nel video si vedono tanti attori mentre omaggiano alcune delle targhe che commemorano chi ha combattuto per la Liberazione. Il candidato sindaco della coalizione “Castelfranco merita” Sebastiano Sartoretto  così commenta: “Bellissimo, straordinario; cari amici dobbiamo essere tutti orgogliosi di credere nelle nostre idee e nei nostri valori !”
    • Non sono io“. Non siamo eroi ma nemmeno invasori; un omaggio al 25 Aprile dei lavoratori di origine straniera impegnati nell’emergenza Covid-19

    Ci sembra opportuno pubblicare in questo contesto della ricorrenza del 25 Aprile una lettera inedita del grande scrittore e partigiano Mario Rigoni Stern indirizzata all’ANPI nel Gennaio 2007 “Perchè dovete chiamarmi compagno”

  • Due importanti eventi dedicati alle questioni dell’ambiente, dei cambiamenti climatici e della sostenibilità

     
    Segnaliamo due importanti eventi dedicati alle questioni dell’ambiente, dei cambiamenti climatici e della sostenibilità, priorità che stanno mobilitando i giovani di tutto il mondo e che sono al centro dell’agenda politica del Partito Democratico a livello provinciale, regionale e nazionale. “Verso un Veneto in deroga alle leggi di tutela ambientale e al buon senso”, giovedì 3 ottobre, ore 20:45, a Treviso presso la sede della nostra Federazione provinciale (Via Castagnole 20/M, Treviso). Interverranno Andrea Zanoni, consigliere regionale, e Oscar Borsato, responsabile Agenda urbana e Governo del territorio della Segreteria provinciale.  “Veneto 100% sostenibile, rinnovabile, efficiente”, sabato 5 ottobre a Padova presso il Crowne Plaza Hotel (via Po 197). Sarà presentato il dossier che il gruppo del Partito Democratico in Consiglio Regionale ha affidato al Centro Studi Levi Cases dell’Università di Padova, un team di oltre 20 tra docenti e ricercatori. Assieme ad Andrea Zanoni e ai consiglieri regionali PD, interverrà, tra gli altri, il senatore Andrea Ferrazzi, capogruppo PD in Commissione Ambiente, e concluderà Pier Paolo Baretta, sottosegretario al Ministero Economia e Finanze. Per approfondire alcune iniziative in tema ambientale, QUI trovate le principali proposte del PD sul consumo di suolo, presentate oggi in conferenza stampa.
  • FESTA NAZIONALE DELL’UNITA’

    Come ogni anno la Federazione Provinciale di Treviso organizza il pullman per la giornata conclusiva della Festa Nazionale de L’Unità che si terrà a Ravenna DOMENICA 8 SETTEMBRE.
    La partenza è prevista tra le ore 7.00 e le ore 8.00 di domenica 8 settembre dal piazzale antistante la Sede Provinciale (via Castagnole, 20/M Treviso) e il rientro è previsto in serata del giorno stesso.

    Per far fronte alle spese verrà chiesto un contributo ai partecipanti (attorno ai 20 euro) che verrà raccolto durante il viaggio di rientro.

    Considerato che i posti sono in esaurimento, ti chiediamo di aderire al più presto mandando un’Email a segreteria@partitodemocraticotreviso.org

    scrivendo anche nome, cognome, circolo di appartenenza e contatto telefonico di chi intende partecipare.

    A presto,

    Alessandro Basso
    Segretario Organizzativo

    A chi vuole approfondire l’argomento consigliamo di leggere la pagina “Festa dell’Unità” sul sito web del PD Nazionale

  • Congresso 2017: i Circoli al voto

    Sabato 1° aprile, alle ore 15, presso la sede del Circolo PD di Castelfranco Veneto in via Matteotti 14/A, si terrà la Convenzione di Circolo, durante la quale verranno presentate e votate le linee politico-programmatiche dei tre candidati Leggi tutto